Chiusura per ferie fino al 7 Gennaio 2024. Buone Feste!

Follicolo pilifero

follicolo pilifero

La salute e il corretto funzionamento dei follicoli piliferi sono cruciali per mantenere la vitalità dei capelli e prevenire problemi come la perdita di capelli. Il follicolo pilifero è un organo microscopico situato nel derma profondo della pelle, fondamentale per la crescita e il mantenimento dei capelli. Questa struttura a forma di sacco avvolge la radice del capello e si estende attraverso lo spessore della pelle fino alla sua superficie. Composto da diverse parti, come l’ostio follicolare, l’infundibolo, il colletto, l’istmo e la papilla dermoide, il follicolo pilifero interagisce con le ghiandole sebacee e sanguigne. La sua anatomia complessa comprende guaine connettivali, membrane vitree ed epiteliali e il bulbo pilifero, ciascuna svolgendo un ruolo specifico nel supportare la crescita del capello.

Componenti del Follicolo Pilifero

Dal punto di vista superficiale, il follicolo pilifero si compone di diverse parti che svolgono ruoli specifici e cruciali nella crescita e nel mantenimento dei capelli.

  • Ostio Follicolare: Questa è la parte del follicolo pilifero che si apre sulla superficie della pelle. L’ostio follicolare funge da punto di uscita per il capello.
  • Infundibolo: È la parte del follicolo che si trova tra il pelo e la parete del follicolo. Questa sezione è coinvolta nel supportare la crescita e la struttura del capello.
  • Colletto: Il colletto è la parte in cui la ghiandola sebacea sbocca nel follicolo, secernendo il sebo. Questo contribuisce alla lubrificazione del capello e del follicolo.
  • Istmo: Posizionato nella parte intermedia del follicolo, l’istmo è coinvolto nei processi di crescita e nutrizione. Contiene vasi sanguigni, linfatici e innervazioni che supportano le cellule della matrice, da cui si origina il capello.
  • Papilla Dermoide: Questa è una componente vitale del follicolo pilifero, costituita da vasi sanguigni, linfatici e nervi. La papilla dermoide ha il compito di nutrire e controllare le cellule della matrice, fornendo la base per la crescita del capello.

Struttura del Follicolo Pilifero

La struttura del follicolo pilifero è complessa e comprende diverse parti che collaborano per supportare la crescita e il mantenimento dei capelli. A partire dalla superficie della pelle e dirigendosi verso il derma profondo, possiamo distinguere le seguenti componenti:

  • Guaina Connettivale: Questa parte, ricca di terminazioni nervose, è formata da strati concentrici e longitudinali di fibre collagene con numerose cellule, tra cui i fibroblasti. La guaina connettivale contribuisce alla struttura e alla stabilità del follicolo.
  • Membrana Vitrea: Diretta continuazione della membrana basale cutanea, la membrana vitrea ha un aspetto più liscio rispetto alla sua controparte sulla superficie cutanea. Questa parte del follicolo pilifero mantiene la sua continuità strutturale.
  • Guaina Epiteliale Esterna: Una continuazione degli strati più profondi dell’epidermide, la guaina epiteliale esterna si approfonda seguendo la membrana vitrea. Questa guaina presenta un’apertura attraverso cui passa il dotto escretore della ghiandola sebacea.
  • Guaina Epiteliale Interna: Formata da tre strati di cellule originanti dalla matrice, la guaina epiteliale interna è a diretto contatto con il pelo. Questa guaina fornisce sostegno al fusto del capello, ancorandosi saldamente e contribuendo al suo orientamento.
  • Bulbo Pilifero: Situato alla base del follicolo, il bulbo pilifero agisce come il centro generativo del capello, contenendo cellule germinative responsabili della produzione continua di nuovi capelli. Queste cellule nel bulbo pilifero sono particolarmente vitali poiché guidano l’intero processo di crescita e rinnovamento del capello. Nel bulbo pilifero, le cellule germinative si dividono e differenziano per formare la matrice, che a sua volta dà origine al fusto del capello. Questa regione è essenziale per determinare la qualità e la salute del capello in crescita. Inoltre, il bulbo pilifero è strettamente collegato alla papilla, una struttura ricca di vasi sanguigni, linfatici e nervi che forniscono nutrimento alle cellule della matrice. Durante il ciclo di vita del capello, il bulbo pilifero svolge un ruolo chiave nelle fasi di crescita (anagen), involuzione (catagen), e riposo (telogen). La sua salute e la corretta funzionalità influenzano direttamente la forza, lo spessore e la durata del capello stesso.

Segnali degenerativi e problemi del follicolo pilifero

I segnali degenerativi e i problemi associati al follicolo pilifero possono manifestarsi attraverso diversi indicatori che riflettono la salute e la funzionalità del sistema pilifero. La sofferenza del follicolo pilifero è spesso evidente attraverso la comparsa di capelli più deboli, assottigliati e, in alcuni casi, depigmentati (cioé più chiari). Questi segni possono essere indicativi di condizioni come l’alopecia androgenetica, una forma comune di perdita di capelli legata a fattori genetici e ormonali.

L’alopecia androgenetica è caratterizzata dalla lenta e progressiva miniaturizzazione dei follicoli piliferi. Non è tanto il numero di capelli che cadono a determinare questa condizione, ma piuttosto la sostituzione di capelli robusti con altri più deboli a causa dell’azione del diidrotestosterone (DHT). Questo processo può portare alla progressiva cessazione dell’attività del follicolo, con conseguente interruzione della produzione di nuovi capelli.

Altri problemi del follicolo pilifero possono includere disturbi del ciclo di vita dei capelli, causando anomalie nelle fasi di crescita (anagen), involuzione (catagen), e riposo (telogen). Questi squilibri possono portare a cicli di vita più brevi, influenzando la densità e la qualità dei capelli.

È importante notare che dietro questi segnali degenerativi spesso si nascondono processi più complessi, come l’infiammazione del follicolo o disfunzioni del sistema immunitario che possono contribuire alle problematiche del cuoio capelluto. Identificare e affrontare precocemente questi segnali può essere cruciale per gestire efficacemente i problemi legati ai follicoli piliferi e preservare la salute del cuoio capelluto.

Cose da sapere sul follicolo pilifero

Il processo di sviluppo del follicolo pilifero è un viaggio intrigante che inizia con la nascita del pelo vellus, un delicato filamento che nel corso del tempo può subire evoluzioni e ritornare allo stato iniziale. Questo fenomeno è particolarmente evidente nell’alopecia androgenetica maschile o nel normale processo di invecchiamento, dove i follicoli possono attraversare diverse fasi di sviluppo.

Il numero totale di follicoli cutanei su un uomo adulto rappresenta un dato sorprendente, ammontando a circa 5 milioni. Tra questi, circa 100.000 sono concentrati sul cuoio capelluto, svolgendo un ruolo cruciale nella crescita e nella salute dei capelli.

La densità dei follicoli piliferi subisce variazioni significative con l’avanzare dell’età. Tra i 20 e i 30 anni, la densità media è di 615 follicoli per centimetro quadrato, ma questa cifra diminuisce gradualmente a 485/cm2 tra i 30 e i 50 anni. Alla soglia degli 80-90 anni, la densità raggiunge il suo livello più basso, attestandosi a 435 follicoli per centimetro quadrato. Questo declino quantitativo è una caratteristica naturale del processo di invecchiamento.

Ogni follicolo pilifero segue un ciclo di vita ben definito, suddiviso nelle fasi di crescita (anagen), involuzione (catagen) e riposo (telogen). Questo ciclo orchestrato determina la durata e la vitalità di ciascun pelo, influenzando direttamente la qualità e l’aspetto complessivo della capigliatura. Comprendere questo processo dinamico è fondamentale per apprezzare la complessità e la delicatezza della salute dei capelli, fornendo al contempo chiavi cruciali per affrontare eventuali problematiche legate ai follicoli piliferi.

Dr. Donato Zizi

Dr. Donato Zizi

Medico Chirurgo con oltre 25 anni di esperienza in Medicina e Chirurgia Estetica. Specialista nel Trapianto Capelli con tecnica FUE. Appassionato di sport, salute e benessere. Imprenditore. Musicista.

Articoli correlati

Altri articoli

Seguici sui social